A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ _The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours | of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) France, Union Communiste Libertaire UCL - Existransinter 2020: lotta alla transfobia in tutte le sue forme (de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Wed, 18 Nov 2020 10:37:54 +0200


Il 17 ottobre, che si terrà il 24 ° edizione del Existransinter, camminando trans e intersessuali la gente, ma è stato cancellato a causa della situazione sanitaria. Mentre il governo ha appena pubblicato il suo " piano d'azione per la parità dei diritti"», Che consiste essenzialmente nella pubblicazione di opuscoli, i diritti delle persone trans e intersessuali ristagnano mentre la discriminazione è ancora presente. Allo stesso modo, il disegno di legge sulla bioetica, che il governo definisce progressista, è in definitiva molto insoddisfacente per le persone trans e intersessuali: l'accesso alla riproduzione assistita è stato rifiutato o limitato alle persone trans per ragioni ideologiche apertamente transfobiche mentre che l'Assemblea ha rifiutato di vietare la mutilazione dei bambini intersessuali.
Controllo dei corpi, limitazione dei diritti, infantilizzazione, violenza fisica e mancato rispetto dell'autodeterminazione

Poche settimane fa, il suicidio di Doona ha fatto luce su ciò che molte persone trans conoscono fin troppo bene: la transfobia intrinseca delle istituzioni e delle amministrazioni mediche. Mentre, come ogni manifestazione di patriarcato, la transfobia si manifesta all'interno del nucleo familiare, del lavoro, delle istituzioni mediche ecc. La transfobia medica è l'erede di quella che fino a tempi recenti praticava ancora la sterilizzazione delle persone trans. La transfobia si manifesta nella complessità giuridica e istituzionale delle procedure di riassegnazione di genere. Procedure per le quali il follow-up psichiatrico e le modifiche corporee sono ancora troppo spesso richieste nella pratica. Pertanto, il personale infermieristico nel suo insieme,[1], considera ancora la necessità di transizione come legata a una patologia mentale. Questo porta la professione medica a rispettare solo raramente l'autodeterminazione dei pazienti, fuorviandoli[2]. Questo, insieme all'infantilizzazione delle persone trans da parte del personale medico, si traduce in abusi psicologici o fisici che riducono l'accesso alla salute di uomini e donne trans. Questo è tanto più vero quando sono prostitute o migranti. Ottenere un trattamento adeguato è molto più difficile quando sei trans.

Allo stesso modo, la negazione dell'accesso trans all'ART è parte della storia patriarcale del controllo sui corpi e sui diritti riproduttivi delle persone LGBTI in generale e delle persone trans in particolare. Se non sterilizziamo più sistematicamente, i diritti riproduttivi e l'accesso alla genitorialità delle donne e degli uomini trans sono ancora limitati dalla legge sulla bioetica. Ciò prolunga un regime procreativo eccezionale e diritti ineguali per ragioni ideologiche che risuonano con quelle di La Manif pour Tous.

Il controllo dei corpi, la limitazione dei diritti, l'infantilizzazione, la violenza fisica e il non rispetto per l'autodeterminazione formano un quadro strutturale oppressivo che favorisce la discriminazione all'interno delle famiglie, del lavoro, delle amministrazioni e hanno la loro responsabilità di fronte agli omicidi e alla violenza transfobica.

Per questo, perché quello che è successo a Doona e a troppi altri non si ripeta, è assolutamente fondamentale che il personale infermieristico venga formato direttamente dalle associazioni trans e non dalle lobby di medici " specialisti ". trans ".

Insicurezza sul lavoro, negli alloggi e negli studi

La transfobia, poiché è sistemica, porta all'insicurezza in termini di alloggio e lavoro. Pertanto, molte persone trans all'inizio della loro carriera vengono rifiutate dalle loro famiglie o dipendono materialmente da una famiglia discriminante, non hanno accesso alla RSA. Tuttavia, è essenziale essere in grado di affrontare con calma un processo di transizione per avere condizioni materiali stabili. L'insicurezza abitativa e occupazionale è molto maggiore tra le persone trans rispetto al resto della popolazione. Ciò aumenta i rischi di depressione e pensieri suicidi, vissuti da molti, quando sono totalmente o parzialmente isolati dai loro circoli sociali. Contrariamente a quanto vorrebbero farci credere reazionari di ogni genere, non è la transizione in sé a renderci infelici, è la transfobia istituzionale, medica, familiare e sociale che mette in pericolo le persone che desiderano cambiare sesso. Il passaggio è percepito come una trasgressione dall'ordine patriarcale, una trasgressione che deve essere repressa e resa invisibile.

Come comunisti libertari, sosteniamo le lotte trans. Sosteniamo l'auto-organizzazione delle persone trans, staffetta e sosteniamo le iniziative di centri di accoglienza autogestiti o appelli per donazioni come il fronte trans sociale, infine, riconoscendo che uomini e donne trans sono uomini e le donne con le loro specificità derivanti dalla discriminazione transfobica e trasmogina.

Quindi sosteniamo e chiediamo:

Accesso a un cambio di stato civile gratuito e gratuito
Il divieto di mutilazione dei bambini intersessuali
Accesso agli stessi diritti riproduttivi e parentali delle persone cis
Il riconoscimento dell'autodeterminazione di ogni persona e il rimborso di ogni tipo di percorso di transizione
La formazione del personale sanitario, amministrativo e istituzionale sulle questioni trans e intersessuali, formazione che dovrebbe essere avviata da gruppi trans e intersessuali
Lo stop totale delle espulsioni e la regolarizzazione dei migranti che sono tanto più in pericolo perché trans e / o omosessuali
In attesa dell'abolizione del sistema carcerario, che durante la detenzione si tenga conto dei desideri delle persone trans in merito alla scelta di un carcere per uomini o donne
Se sosteniamo le lotte per misure legislative concrete, come una modifica semplificata dello stato civile o una migliore considerazione da parte dei medici, riteniamo che, da sole, sarebbero insufficienti e che sia altrettanto importante lottare contro l'intero sistema patriarcale, per porre fine a tutte le oppressioni e violenze che ne derivano: sessismo, omofobia e transfobia.

Libertarian Communist Union 12 novembre 2020

convalidare

[1]Associazione professionale francese per la salute transgender, ex società francese SoFECT per lo studio e il supporto della transidentità

[2]Quando parli di una persona, usa un genere in cui non si riconoscono

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Existransinter-2020-en-lutte-contre-la-transphobie-sous-toutes-ses-formes
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center