A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ _The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours | of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) Canada, Collectif Emma Goldman - [Libro] Il mio ottobre 70: La crisi e le sue conseguenze (de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Tue, 17 Nov 2020 09:36:43 +0200


Non è oggi che i "patrioti" diffondano teorie del complotto. Negli anni successivi agli eventi di ottobre, molte persone iniziarono a credere che il Front de liberation du Québec (FLQ) fosse una creazione della polizia e che i suoi attivisti fossero semplici burattini incapaci di azione autonoma (Comeau, p, 33). Il leader del movimento sovranista, nientemeno che René Lévesque, dichiarò in un articolo pubblicato nel 1973 su Le Devoir che bisognava chiedersi "se l'affare Cross-Laporte non fosse un'operazione politica volta a spaventare il Quebec. usando il FLQ come pretesto. "(Comeau, p.33). ---- Sono ancora molte le zone d'ombra che circondano i due rapimenti politici, la morte di Pierre Laporte, le leggi sui provvedimenti di guerra e le attività del FLQ. Nel suo libro Il mio ottobre 70: La crisi e le sue conseguenze , Robert Comeau cerca di ristabilire alcuni fatti, sia che si tratti del suo ruolo nella crisi di ottobre come membro della cellula di informazione di Viger[1]o del ruolo svolto da Carole Devault, agente provocatrice della polizia dopo l'ottobre 1970.
La Commissione Keable

Il 26 luglio 1974, l'ufficiale dell'RCMP Robert Samson fu gravemente ferito dopo aver depositato una carica di dinamite per conto della malavita vicino alla residenza del CEO della catena alimentare Steinberg. Durante il processo ha rivelato l'esistenza dell '"Operazione Bricole", ovvero il furto con scasso da parte della polizia dei locali del Movimento per la difesa dei prigionieri politici e della Free Press Agency del Quebec. Questa rivelazione sarà all'origine delle principali inchieste pubbliche sulle attività criminali della polizia, inclusa la commissione Keable (Comeau, p.32).

Durante la sua apparizione davanti alla commissione Keable, istituita dal governo Lévesque nel 1977, Robert Comeau si rifiutò di testimoniare. Piuttosto, legge una lunga dichiarazione che ha co-firmato con François Séguin e che è stata sostenuta da Nigel Hamer[2]. Per quanto riguarda le teorie del complotto che circolano sul FLQ e la crisi di ottobre, afferma:

"Quello che la commissione Keable cerca di accreditare è la tesi che il governo federale dell'epoca avrebbe avuto nel 1970 se non avesse generato, almeno favorito, l'emergere del terrorismo politico in Quebec per avere un pretesto di scelta per annientare forze indipendenti. Questa tesi della grande manipolazione di Ottawa nel 1970 è stata diffusa e discussa a lungo. Dietro le quinte, si dovrebbe leggere che lo stato sarebbe così potente e la rivolta popolare così improbabile che qualsiasi violenza rivoluzionaria sarebbe sospetta.»(Comeau, P.161).

Con tutto il rispetto per i fan di questo tipo di teoria, la commissione non sarà in grado di dimostrare un'infiltrazione della polizia prima del 1970.

"Operazione Poupette"

Robert Comeau ricorda che pochi giorni dopo il rapimento di James Richard Cross, una giovane donna di nome Carole Devault è venuta a chiedergli, durante una festa, di essere messo in contatto con gli attivisti dell'FLQ. Per dimostrargli la sua determinazione, gli suggerisce di tenere un volo a beneficio del FLQ nell'azienda in cui lavora. La polizia informata del complotto ovviamente si reca lì per prendere il ladro e il suo complice. Più tardi, di fronte all'insistenza di Carole Devault per ottenere carta e dinamite FLQ ufficiali, Comeau rifiutò inventando direttive da un leader FLQ altrettanto immaginario. Ciò non ha mancato di alimentare il mito di un'organizzazione strutturata con un leader[3].

Fonte: BAnQ

Durante gli eventi di ottobre, Devault non era un membro in regola del FLQ e non era in contatto con la cellula di Liberazione e tanto meno con la cellula di Chénier. Tuttavia, Comeau sottolinea che con la sua incoscienza, "[lo]aveva introdotto in uno dei centri nevralgici, quello che faceva la giunzione tra le celle che tenevano gli ostaggi". Successivamente, le informazioni trasmesse alla polizia dall'informatore, la sorveglianza e le intercettazioni hanno permesso alla polizia di risalire alle tracce del nascondiglio della cellula di Liberazione e del luogo di detenzione di James Richard Cross. Infine, fu solo nel gennaio del 1971 che Carole Devault entrò a far parte del vero FLQ, (ciò che ne resta) quando fu messa in contatto con François Séguin (che divenne un informatore nel 1972). Nella sua relazione finale,

Ricostruzione del FLQ

Nessun membro della cellula Viger è stato arrestato in seguito agli eventi di ottobre. Secondo l'analisi dell'investigatore Jean-François Duschenes: "Diverse testimonianze della polizia attestano che la decisione di non preoccupare Hamer è stata motivata dall'opportunità che ha avuto di monitorare la cellula di Viger, i cui membri erano stati inseguiti per un certo tempo. tempo[...]Era infatti logico pensare che qualsiasi ristrutturazione del FLQ sarebbe stata fatta da questa cella e che monitorandola avremmo potuto prevenire il ripetersi della crisi di ottobre. "(Comeau, p.114).

Le Devoir, 27 settembre 1971
Dopo l'esilio della cellula di Liberazione a Cuba, l'arresto di membri della cellula di Chénier e il riorientamento politico di Charles Gagnon e Pierre Vallières: "Possiamo dire che è stata questa fuga fallita da Mascouche (e la morte di Pierre-Louis Bourret) che ha messo l'ultimo chiodo nella bara del FLQ ". Successivamente, come sottolineò Julien Giguère, allora tenente-detective della polizia di Montreal: "Nel 1972 l'FLQ eravamo noi. ".

Leggi anche:Manifesto dell'ottobre 1970: "i coraggiosi operai di Cabano"

Leggi anche:[Storia del FLQ]La cella anteriore a Saguenay-Lac-Saint-Jean

leggi anche:50 anni fa ... "la crisi" di ottobre

[1]La cellula Viger svolse essenzialmente un ruolo di supporto per la cellula di Liberazione ed eccezionalmente per la cellula di Chénier.

[2]Niger Hamer, un inglese di McGill.

[3]Un gruppo di cellule (Liberation, Chénier e Viger) senza direzione centrale e senza capogruppo designato come tale si è formato nell'ambito degli eventi di ottobre (Comeau, p.76).

Postato 19 ore fa da Collectif Emma Goldman

http://ucl-saguenay.blogspot.com/2020/11/livre-mon-octobre-70-la-crise-et-ses.html
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center