A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ _The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours | of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) cub.it: Arcelor Mittal: SI PUO' DIFENDERE SALUTE E OCCUPAZIONE

Date Tue, 16 Jun 2020 08:35:49 +0300


FLMU niti Cub Metalmeccanici Telecomunicazioni ---- La Cub ribadisce tre esigenze inscindibili: ---- Difendere l'occupazione.---- Difendere la salute dentro e fuori la fabbrica.---- Mantenere la produzione di acciaio in Italia. ---- Le ricadute occupazionali del piano industriale di Arcelor Mittal presentato al governo rappresentano un disimpegno mascherato dalla gestione degli stabilimenti ex Ilva; I tentativi fatti in direzione di far cambiare la scelta messa per iscritto è un perder tempo. ---- Tanto vale pensare a cosa fare da subito per difendere salute e occupazione. ---- Il vicepresidente della Commissione europea ha detto: "Vogliamo investire lì perché c'è un problema con l'acciaio e il carbone. Se saremo capaci di costruire l'acciaio europeo con l'idrogeno anche a Taranto avremo l'acciaio verde e saremo competitivi". Accogliamo la proposta e discutiamone.
La Cub ribadisce tre esigenze inscindibili:
Difendere l'occupazione. Tra diretti e collegati sono oltre 20.000 i lavoratori che rischiano il posto di lavoro se lo stabilimento dovesse arrivare alla chiusura. Nessun progetto concreto di rioccupazione è realisticamente ipotizzabile e anche le ipotesi di bonifica restano aleatorie se non sostenute dalla lotta dei lavoratori. Laddove sono stati cacciati gli operai, cancellati i protagonisti del conflitto e promessa la bonifica come a Bagnoli non è stato raggiunto nessun risultato.
Difendere la salute dentro e fuori la fabbrica. L'ambiente in Ilva e la salute a Taranto sono strettamente dipendenti non dall'acciaio ma dal processo produttivo che lo produce. Deve quindi essere discussa la tecnologia adatta a superare una condizione certamente inaccettabile e la chiave di volta sta nell'alimentazione degli impianti.
L'economia europea si sta muovendo verso processi di decarbonizzazione e verso politiche industriali volte ad abbassare le emissioni che inquinano e provocano danni alla salute.
Mantenere la produzione di acciaio in Italia. L'Italia manifatturiera, consuma milioni di tonnellate di acciaio l'anno e la scomparsa del suo fornitore principale sarebbe un danno notevole. Molti ritengono che basterebbe comprarlo in Brasile, in india o altrove ma l'inquinamento sarebbe solo spostato su altri e si creerebbero incertezze logistiche e condizioni di fornitura instabili per l'industria metalmeccanica.
Perdere autonomia su una industria di base rappresenterebbe una ulteriore perdita da aggiungere alla deindustrializzazione in atto da anni. L'Italia non può fare a meno della siderurgia, e non può continuare ad ammalarsi e morire di inquinamento.
L'acciaio si può produrre in sicurezza, dei lavoratori e dei cittadini, ammodernando il ciclo così come avviene in altre parti del mondo. Se Arcelor Mittal non è interessata al progetto, vada pure via e lo stato avvii comunque la ristrutturazione degli impianti.
Tutte queste esigenze possono stare insieme se lo stato ritorna a svolgere un ruolo e impone alle imprese anche obblighi sociali. Se ciò vuol dire nazionalizzazione non dobbiamo per questo farci spaventare.
Va aperto da subito il primo grande cantiere di riconversione ambientale; altre opere possono attendere altrimenti Taranto e l'Italia perderanno, dopo la salute, anche il lavoro.

Milano giugno 2020

CUB - Confederazione Unitaria di Base
Sede Nazionale: Milano, V.le Lombardia 20 -tel. 02/70631804 e mail info@cub.it www.cub.it
Sede Taranto via Guglielmo Oberdan 127 - tel./fax 099.4793406 cub.taranto@virgilio.it
https://www.cub.it/images/2020-articoli/20-476-ex-ILVA-cub-riconversione.pdf

https://www.cub.it/index.php/174-organizzazioni-cub/flmuniti-cub-metalmeccanici-telecomunicazioni/13864-si-puo-difendere-salute-e-occupazione
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center