A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ _The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours | of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) anarkismo.net: Di fronte ai femminicidi e all'avanzata della violenza sessista, la lotta femminista è una di quelle in basso. È tempo di occupare le strade. di Anarchist Federation of Rosario - FAR (en, ca, pt) [traduzione automatica]

Date Wed, 25 Sep 2019 09:14:05 +0300


Negli ultimi giorni, nel mezzo di una crisi economica e sociale che travolge quotidianamente i settori oppressi, assistiamo a quattro femminicidi in sole 48 ore che evidenziano la situazione molto grave alla quale le donne sono esposte quotidianamente. ---- Stiamo parlando della forma più estrema di violenza di genere, che termina con la vita di una donna ogni 26 ore nel nostro paese. ---- Nella maggior parte dei casi, le donne muoiono per mano di uomini noti alle vittime, in generale coppie o ex partner. ---- Ora, ci sono due fatti separati nel contesto della crisi con questi femminicidi che continuano a gonfiare la lunga lista. In questo senso, il movimento delle donne non smette di denunciare la mancanza - e la sottoesecuzione - del bilancio destinato alla prevenzione e all'attenzione dei casi di violenza di genere.

Allo stesso tempo, come abbiamo detto in precedenti analisi, la povertà, la disuguaglianza, il clientelismo e la mancanza di partecipazione politica autogestita dei settori esclusi hanno portato alla crescita dell'influenza dell'evangelismo e della Chiesa cattolica nei quartieri popolari e in La scena politica Ciò non si traduce solo in discorsi reazionari di fronte ad atti di violenza di genere, ma ostacola costantemente anche l'accesso ai diritti sessuali e riproduttivi, l'educazione sessuale completa nelle scuole e demonizza sistematicamente il movimento femminista nel nostro paese.

Infine, il contesto elettorale ha messo in luce l'utilitarismo che i partiti politici istituzionalisti fanno della questione. I candidati parlano poco della legalizzazione dell'aborto, ci sono poche proposte su come affrontare il problema della discriminazione e della violenza sessista. La politica di smobilitazione che vediamo da parte di questi partiti, direttamente o per omissione, al fine di ottenere più voti, influenza anche la lotta femminista.

Questi quattro femminicidi hanno generato un allarme che è balzato ai media, ma si dice poco su queste donne che vengono dal basso (infermiere, impiegati della casa privata e studentesse). Poco si dice che la povertà e la violenza patriarcale siano correlate, che le famiglie più povere si occupino delle donne, che siano le donne povere che hanno il momento più difficile in cui possono lasciare il circolo della violenza per mancanza di risorse. Al contrario, i media mescolano questi casi con quelli dello spettacolo come quelli di Mariana Nannis, fino al punto di banalizzare il problema. Non solo la grave situazione è frivolizzata, ma i femminicidi sono esposti come intrattenimento e mettono sullo stesso piano realtà completamente diverse.

È un contesto complesso che ci sfida quando ci posizioniamo in un tale assalto contro quelli sotto. Tuttavia, la strategia rimane la stessa per incoraggiare le organizzazioni di base con una vera partecipazione delle donne a loro, essere sulla strada a dimostrare la forza che possiamo avere e che è stato evidenziato lo scorso anno nella lotta per la legalizzazione dell'aborto e fondamentalmente incoraggiare e non perdere di vista la prospettiva di classe che la lotta femminista richiede per essere veramente trasformativa del sistema di dominio.

* Le strade sono nostre!
Su quelli che combattono! *
Link correlato: https://federacionararquistaderosario.blogspot.com/

https://www.anarkismo.net/article/31558
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center