A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ _The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours | of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021 | of 2022 | of 2023

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) Czech, AFED: "The Tyumen Affair" - La sconfitta della Russia è speranza (ca, de, en, pt, tr)[traduzione automatica]

Date Fri, 20 Jan 2023 10:00:59 +0200


Una breve riflessione sulla natura del regime di Putin e una speranza per i nostri amici incarcerati ---- A differenza dei nostri amici in Russia che cercano di utilizzare le vie legali disponibili per sostenere gli anarchici perseguitati, abbiamo il privilegio di parlare di una delle strade che potrebbero finire la loro oscura prospettiva di lunghi anni nelle segrete. Non è un compito facile rivendicare "diritti" in un regime che liquida fisicamente e imprigiona per molti anni i suoi oppositori con un carattere totalitario evidente; un regime che dichiara, sia in patria che durante la campagna di guerra, che le vite sono per esso cose trascurabili e libertà e dignità sono parole del tutto sconosciute. ---- La sconfitta di un tale regime è una grande speranza. Tuttavia, si scopre che il regime non sarà liquidato dall'interno. La speranza è, non solo per il popolo ucraino, ma anche per gli stessi russi, così come per i bielorussi, che l'invasione russa dell'Ucraina venga sconfitta militarmente il prima possibile. Tale sconfitta è la speranza che lo zar moderno possa ritirarsi dalla scena e che ci possa essere un cambiamento in Russia (e in Bielorussia) (non mi illudo che sarebbe diverso che sotto la direzione capitalista) almeno nella direzione delle libertà politiche e il relativo rilascio di prigionieri politici.
* * *
Dato che parte dell'attuazione del fascismo Z in Ucraina è un saccheggio su larga scala, probabilmente non sorprende che qualcosa di simile stia accadendo all'interno dell'impero. Quando Daniil Chertykov è stato arrestato la notte del 31 agosto, la sua casa è stata perquisita, durante la quale sono scomparsi 15mila rubli. Lo stesso giorno è stata arrestata anche Nikita Olejnik, dopo una perquisizione sono scomparsi 200mila rubli dalla casa di Nikita.

Allo stesso modo, la propaganda del regime russo mente, sia che si tratti di eventi al di fuori o all'interno dei confini della Russia. E così, dopo l'ondata di arresti di antifascisti, i media si sono precipitati a dichiarare che erano membri di associazioni neonaziste che rappresentavano un pericolo per la società. Ecco come appare la "denazificazione" nelle mani del regime fascista.

La tortura è tipica del fascismo Z. Non solo permette ai civili ucraini di essere torturati nei territori occupati, ma la tortura è una cosa ovvia per il regime di Putin anche contro i suoi stessi residenti. Anarchici e antifascisti potrebbero parlarne a lungo. Non è diverso nel "caso Tyumen": percosse, soffocamento con un sacco, torture con acqua, torture con corrente elettrica, minacce di violenza contro i membri della famiglia, minacce di violenza sessuale...

Di solito non ci sono prove a sostegno dell'accusa. Il principio della privacy non è preservato durante gli incontri tra avvocati e imputati. Gli avvocati sono costretti a firmare accordi di non divulgazione, il che equivale a rimuoverli dal caso. Le denunce di tortura vengono ridicolizzate e nascoste dalle autorità.

Non sorprende, inoltre, che anche coloro che esprimono il loro sostegno ai perseguitati e scrivono loro lettere cadano nel mirino della macchina repressiva. Ed è così che, ad esempio, i ruffiani in borghese hanno cercato di entrare nell'appartamento dell'attivista di San Pietroburgo Lina Barabašová, dove si stava svolgendo una serata di lettere. Almeno 10 persone sono state arrestate in un evento simile nello "Spazio aperto" di Mosca dopo che un commando con cappucci neri ha fatto irruzione lì. Il trasferimento alla stazione di polizia non è stato completato senza aver picchiato i detenuti ammanettati.
* * *
È chiaro che il regime fascista in Russia deve cadere il prima possibile. Una delle grandi speranze per i nostri compagni imprigionati è la totale sconfitta militare delle truppe d'invasione in Ucraina. Questo potrebbe spezzare il collo a Putin e al suo regime, con il quale molto probabilmente cadrebbe quello in Bielorussia, dove anche gli anarchici sono condannati a lunghe condanne in casi inventati, con l'ausilio della tortura.

Sostenendo il movimento ucraino di resistenza all'invasione Z-fascista, sosteniamo anche i nostri amici in Russia e Bielorussia affinché possano liberarsi il prima possibile e altri non solo debbano reagire alle azioni repressive del regime, ma dedicarsi ad attività sociali e allo sviluppo delle loro comunità e dei loro obiettivi anarchici e antifascisti.

Fonte:
https://t.me/s/tumenskoedelo

Link correlati:
Settimana della solidarietà - "Il caso Tyumen"
"Caso Tyumen" - accusa
"Il caso Tyumen" - scrivi lettere

https://www.afed.cz/text/7833/kauza-tumen-porazka-ruska-je-nadeji
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe https://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center