A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ _The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours | of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021 | of 2022 | of 2023

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) France, UCL AL #333 - Politica, riforma delle pensioni: lavorare di più e morire in fretta (ca, de, en, fr, pt, tr)[traduzione automatica]

Date Fri, 20 Jan 2023 10:00:15 +0200


La riforma delle pensioni di Macron, con il pretesto di salvare il sistema e di essere più uniti tra le generazioni, è un nuovo attacco su vasta scala alle conquiste sociali. Di fronte all'annunciata privatizzazione dell'assicurazione contro la disoccupazione, è necessario costruire dalla base un forte arco sindacale per invertire i rapporti di forza. ---- Sono iniziate le consultazioni con i sindacati, ma Macron ha comunque annunciato il colore: vuole alzare l'età pensionabile a 65 anni, presumibilmente per salvare questo sistema afflitto da deficit futuri ed essere solidale con le generazioni future. ---- Va notato che la solidarietà con i "nostri figli" è variabile a seconda che si tratti dell'emergenza climatica e ambientale o che ci faccia lavorare di più. Ma è anche falso di fatto, il Consiglio di orientamento pensionistico ritiene che "i risultati[...]non convalidano nel merito i discorsi che hanno avanzato l'idea di una dinamica incontrollata della spesa pensionistica". Infatti, Macron e il suo governo, da buoni garanti degli interessi capitalisti, stanno lavorando per invertire due delle principali conquiste del movimento operaio del XX secolo.

Primo principio : la riduzione dell'orario di lavoro. Il movimento operaio guadagna costantemente tempo al di fuori del controllo dei padroni. La loro "riforma" delle pensioni mira semplicemente a riprendere da questo momento. E la controffensiva è violenta, tre anni alla volta, l'equivalente di più di tre ore settimanali per una carriera a tempo pieno.

Secondo principio : il principio di solidarietà. Il sistema pensionistico funziona sulla solidarietà intergenerazionale ancora largamente finanziata dalla socializzazione di una parte del nostro stipendio, quelli che i capitalisti chiamano oneri sociali. Il loro progetto di riforma mira a rendere quasi impossibili le condizioni di accesso a una pensione completa per gran parte dei lavoratori: il tasso di occupazione degli anziani è già basso, molti lavori non consentono di lavorare così vecchi ed è difficile raggiungere i 42 anni di contributo.

Di conseguenza, il basso importo delle pensioni spinge le persone a fornire soluzioni individuali per provvedere alla propria vecchiaia, non a caso i maggiori gruppi bancari e assicurativi stanno moltiplicando gli annunci perché "la pensione sta per essere preparata".

Manifestazione del 23 marzo 2022 a Rennes per i salari delle pensioni e contro i licenziamenti, manifestano 15.000 persone. Presenza di diverse processioni private come Thomson, diffusione Huit, PSA (...)
Copyright: Red Photo Library /Red Photo Library/tn
Una riforma per ingrassare il settore privato
Contrariamente a quanto sostiene il governo, infatti, è il principio delle pensioni a ripartizione ad essere sotto attacco: siamo costretti a lavorare più a lungo e si mettono in atto le condizioni per favorire il risparmio individuale, rinunciando così al privato interessa un mercato succoso che gli è sfuggito.

Di fronte a questo perdente-perdente, il nostro campo sociale dovrà opporre una battaglia determinata. A quella che è un'offensiva ideologica liberale dobbiamo riaffermare e ripopolare il principio di una grande sicurezza sociale gestita dalla popolazione dove mettiamo in comune una parte della ricchezza che produciamo, una parte del nostro salario per provvedere ai capricci della vita (problemi di salute , vecchiaia, periodi di disoccupazione, ecc.) in solidarietà.

Questo approccio può permettere di collegare le tante lotte per gli aumenti salariali e quelle contro la riforma delle pensioni, ma anche con lo smantellamento del sussidio di disoccupazione, e di costruire un ampio fronte sociale. Abbiamo il vantaggio di un ampio arco sindacale (CFDT inclusa) che rifiuta il rinvio dell'età pensionabile così come l'allungamento del numero di anni di contribuzione. Dobbiamo basarci su queste posizioni per costruire l'unità sindacale alla base.

Solo la nostra autorganizzazione può permetterci di impegnarci in un reale equilibrio di potere capace di superare le diserzioni dei sindacati "riformisti" che non falliranno e di diffondere la rabbia sociale per sbaragliare i progetti di governo.

Gil (UCL Montpellier)

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Reforme-des-retraites-Travailler-plus-et-mourir-vite
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe https://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center